The TIERef Project

I bambini migranti di età inferiore ai 15 anni rappresentano circa il 5% della popolazione dell'UE. Esistono grandi variazioni nella distribuzione della popolazione infantile migrante negli Stati membri. In alcuni Stati membri esiste anche una variazione nella percentuale di bambini tra la popolazione di origine straniera. In tutta l'UE, i bambini con un background migratorio tendono, in media, a esibirsi meno bene a scuola e sono più propensi a lasciare la scuola prima delle loro controparti native. Un certo numero di ragioni che si intersecano possono avere qualche influenza su questa tendenza, compreso il potenziale svantaggio socio-economico, l'isolamento sociale e problemi con la lingua di insegnamento. Vale la pena notare che alcune di queste sfide non sono endemiche per i migranti. Mentre i fattori culturali e linguistici possono giocare un ruolo nel successo di un bambino, e la loro integrazione e progressione sociale ed educativa, altri fattori, come lo svantaggio socio-economico, sono critici e dovrebbero ricevere la dovuta attenzione. Le questioni sono ancora più sorprendenti quando ci rivolgiamo ai bambini rifugiati tra loro, che spesso affrontano seri ostacoli culturali e problemi psicologici che devono superare. Pertanto, è necessaria una serie di politiche e approcci complementari a diversi livelli (nazionale, locale, ecc.) E devono includere una serie di parti interessate (ad esempio amministratori scolastici, educatori, genitori, politici, terzo settore). Questo progetto fornirà strumenti che consentiranno alle scuole e ai responsabili politici di affrontare meglio queste sfide nell'affrontare i bisogni dei bambini migranti, e specialmente dei bambini rifugiati, e di ridurre efficacemente il logorio nell'educazione tra questo gruppo target di bambini migranti con un background di rifugiati. Mentre i paesi europei hanno implementato una serie di politiche diverse volte a colmare il divario educativo "nativo-immigrato", la coerenza di queste politiche non è ovvia, da qui la necessità di condividere buone / migliori pratiche. Le nostre misure di progetto comprendono la condivisione di ampie risorse, buone e migliori pratiche tra le scuole, specialmente quelle con un'alta concentrazione di migranti con un background di rifugiati e la condivisione di quadri politici tra tutti i ministeri partecipanti. Chiaramente, questa condivisione di iniziative di buone pratiche all'interno del sistema educativo può avere effetti immediati sul successo scolastico dei bambini migranti, aiutando i bambini migranti a raggiungere il loro pieno potenziale. Per raggiungere questa sinergia, il progetto mira a creare un'alleanza tra scuole (istruzione primaria e secondaria) e ministeri / direttori dell'istruzione per l'inclusione di bambini migranti appena arrivati ​​(con particolare attenzione per i bambini rifugiati) nell'istruzione e la creazione di un amico concetto, in base al quale le scuole possono collaborare online e condividere buone / migliori pratiche tramite un hub online.

Utilizzando una gamma di strumenti innovativi, il progetto mira a rafforzare le scuole (istruzione primaria e secondaria) in tutti i paesi partner e oltre nella loro istruzione dei bambini migranti (con un background di rifugiati):

  • database di buone / migliori pratiche in 3 domini (orientamento, valutazione, validazione) in tutte le lingue partner + inglese: orientamento verso un'istruzione di buona qualità con modelli di buone pratiche raccolti tramite piattaforma / studio europei; valutare le conoscenze degli alunni attraverso modalità non invasive ma efficienti (orientamento), convalida dell'apprendimento precedente per gli alunni
  • database di materiale didattico utilizzabile e condivisibile per facilitare l'educazione inclusiva per i bambini migranti in tutte le lingue partner + inglese
  • portale di scambio collaborativo online e concetto di repository di risorse verso un'istruzione inclusiva in tutte le lingue partner + inglese
  • introdurre l'apprendimento del sostegno tra pari come metodo innovativo per promuovere l'educazione inclusiva
  • strumento online per la metodologia di valutazione per la conoscenza e il riconoscimento precedenti degli studenti rifugiati e la convalida dei risultati dell'apprendimento ottenuti durante il processo di apprendimento
  • white paper verso un'educazione inclusiva per i bambini migranti, sulla base dei risultati e dei risultati del progetto.

 

">